• Neve Roma

    Piazza del Popolo, Roma

  • lago-vico-400

    Lago di Vico, Viterbo

  • Porto Santo Stefano

    Porto Santo Stefano, Grosseto

  • orvieto-400

    Orvieto, Terni

  • viterbo-neve-400

    Piazza San Lorenzo, Viterbo

  • Città del Vaticano, Roma

    Città del Vaticano, Roma

  • civita-bagnoregio

    Civita di Bagnoregio, Viterbo

  • bosco-400

    Faggeta Monti Cimini, Viterbo

  • palatino-neve-400

    Fori Romani, Roma

  • soriano-cimino-400

    Soriano nel Cimino, Viterbo

  • Lago di Bolsena

    Lago di Bolsena, Viterbo

  • MALTEMPO: FULMINE A SAN PIETRO

    Piazza San Pietro, Roma

  • Foto_Paolo_mare_didascalia
Home » analisi meteo » Tendenza medio-lungo termine: in arrivo una forte perturbazione autunnale?

Tendenza medio-lungo termine: in arrivo una forte perturbazione autunnale?

| 0 commenti

di Lorenzo Pietra

Buongiorno a tutti i cari lettori,

in questo articolo cerchiamo di delineare la tendenza meteorologica per i prossimi giorni, in quanto i modelli individuano le possibilità di un serio peggioramento del tempo sull’Italia.

In questi ultimi giorni l’autunno sta mostrando il suo volto meteorologico migliore, grazie alla presenza di una solida campana alto pressoria avente i massimi pressori sui Pirenei (circa 1024 hPa):

alta-pressione

Nella stessa carta è possibile osservare, al contrario, la circolazione fredda che sta interessando l’Europa orientale, dove gelo e precoci nevicate stanno interessando Russia, Ucraina, Bielorussia e Repubbliche baltiche. In particolare, negli ultimi giorni Mosca è alle prese con neve e temperature sotto lo zero; eccolo il risveglio di questa mattina sulla capitale russa:

 

14286147611477976278

 

Una simile configurazione in questo periodo è resa possibile dalla presenza di un vortice polare piuttosto debole e di un anticiclone massiccio in sede atlantica, ed è ben sintetizzata nella seguente carta che rappresenta le anomalie termiche al suolo rispetto alla media 81-10, con le pesanti anomalie fredde sull’ Europa orientale e le anomalie calde sulle aree occidentali:

ncep_cfsr_europe_t2m_week_anom

 

Pertanto, cosa dobbiamo aspettarci nei prossimi giorni in Italia? Il tempo inizierà già a guastarsi nella giornata di domani a causa del passaggio di una debole perturbazione, che provocherà deboli piogge giovedì, in particolare su medio adriatico e basso Tirreno (per i dettagli del tempo sul nostro territorio vi invitiamo a leggere le previsioni a breve termine). Venerdì dovrebbe, invece, risultare una giornata piuttosto tranquilla con tempo generalmente stabile e temperature nella media del periodo.

Ma i modelli continuano a confermare la possibilità di un serio peggioramento del tempo a partire dal prossimo week-end. Prendiamo a carattere esemplificativo la situazione a 500 hPa prevista dal modello Reading per le ore 00 del prossimo sabato, quando lo spostamento dell’alta pressione atlantica verso nord-est determinerà le condizioni ideali per la formazione di una vasta area depressionaria sul mediterraneo occidentale alimentata da aria artico-marittima:

500-hpa-sabato

 

Nel corso della giornata di sabato è previsto dai modelli l’odierni l’approfondimento di un minimo di bassa pressione in prossimità delle isole Baleari, con conseguente deciso peggioramento del tempo, inizialmente sulle zone di nord-ovest, in graduale estensione a zone centrali tirreniche e al resto del nord, in quanto l’Italia si troverà proprio nell’area di scontro tra l’aria fredda proveniente da nord e l’aria caldo-umida richiamata da sud. La carta prospettata da Reading per le 00 di domenica rappresenta una configurazione fioriera di piogge e temporali organizzati proprio su questi settori, con le prime importanti nevicate autunnali sulla catena alpina:

500-hpa-domenica

 

Nella carta ad 850 hPa per il medesimo periodo è possibile osservare il richiamo di aria calda ed umida diretto verso le regioni centro-meridionali:

850-hpa-domenica

 

I modelli ad oggi prevedono lo spostamento verso est della struttura depressionaria, con conseguente calo termico per l’arrivo di aria artico-marittima decisamente più fredda con rovesci e quota neve in brusco calo anche sugli Appennini.

Considerata l’elevata distanza temporale vi invitiamo, comunque, a prendere con le pinze tali carte e a seguire i mostri prossimi aggiornamenti!

 

Grazie per l’attenzione e buona festa di Ognissanti.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.