• Neve Roma

    Piazza del Popolo, Roma

  • lago-vico-400

    Lago di Vico, Viterbo

  • Porto Santo Stefano

    Porto Santo Stefano, Grosseto

  • orvieto-400

    Orvieto, Terni

  • viterbo-neve-400

    Piazza San Lorenzo, Viterbo

  • Città del Vaticano, Roma

    Città del Vaticano, Roma

  • civita-bagnoregio

    Civita di Bagnoregio, Viterbo

  • bosco-400

    Faggeta Monti Cimini, Viterbo

  • palatino-neve-400

    Fori Romani, Roma

  • soriano-cimino-400

    Soriano nel Cimino, Viterbo

  • Lago di Bolsena

    Lago di Bolsena, Viterbo

  • MALTEMPO: FULMINE A SAN PIETRO

    Piazza San Pietro, Roma

  • Foto_Paolo_mare_didascalia
Home » cronaca-meteo » Un autunno folle: l’incredibile Ottobre ad Acireale

Un autunno folle: l’incredibile Ottobre ad Acireale

| 0 commenti

di Lorenzo Pietra

Si sente sempre parlare di cambiamenti climatici, ed effettivamente davanti ai nostri occhi non può passare inosservato l’incredibile accumulo mensile di Acireale (provincia di Catania, pendici orientali dell’Etna): nel mese di Ottobre 2015 sono caduti , alla stazione meteo di S. Maria Ammalati, 830,4 mmacireale

 

(dati presi da http://www.meteoetna.it/stazioni/acireale/)

Del tutto incredibile la giornata del 21 Ottobre 2015, quando sul paese sono caduti 359,7 mm di pioggia in appena 10 h. La media pluvio annuale di Acireale (dati dal 1922 al 1998, tratti da www.meteosicilia.it/datimeteo/ACIREALE.HTM) risulta essere di 812,2 mm, pensate che ad oggi, 1° Novembre 2015, l’accumulo annuale ha raggiunto quota 1.831,9 mm, un dato davvero incredibile. Ad Ottobre sono caduti 830, 4 mm su una media di appena 134,1 mm.

Il motivo di tutta questa pioggia? A mio avviso sono essenzialmente due:

  • il ripetersi delle stesse configurazioni.  Più volte nell’ultimo mese si sono venuti a formare minimi di bassa pressione tra Sicilia e Ionio, che richiamano correnti orientali sul territorio:  l’energia del mare produce intensi temporali che si abbattono sulla costa orientale siciliana, e in quel preciso territorio trovano lo stau provocato dall’Etna, che esalta i fenomeni in termini di durata e intensità (assumono dunque carattere rigenerante);
  • l’anomala temperatura dei nostri mari, causata dall’ennesima bollente estate di questi anni Duemila.

Sono tantissimi i disagi sul territorio, pensate che anche oggi sta piovendo molto forte e sono già stati accumulati 35 mm. Nei prossimi giorni sembra esserci finalmente una pausa con il ritorno del sole. Speriamo duri a lungo, ce n’è davvero bisogno.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.